Lo tsunami dei Raee: aperta la Conferenza sui Rifiuti di Ginevra

Lo tsunami dei Raee: aperta la Conferenza sui Rifiuti di Ginevra

La Convenzione di Basilea è il più ampio accordo internazionale sulla gestione di rifiuti pericolosi.

La Convenzione di Rotterdam si occupa della sicurezza nel commercio internazionale di prodotti chimici industriali e pesticidi.

La Convenzione di Stoccolma si pone l’obiettivo proteggere la salute umana e l’ambiente dagli Inquinanti Organici Persistenti (composti chimici difficilmente degradabili).

Le Parti Contraenti delle tre Convenzioni – 1500 rappresentanti da 180 Paesi – sono riunite da ieri 4 maggio 2015 a Ginevra per una Conferenza sulle Sostanze e i Rifiuti Pericolosi della durata di 11 giorni: un incontro che si tiene ogni due anni per verificare l’attualità degli accordi, esaminare minacce sopraggiunte e concordare nuove linee guida e misure da attuare.

Una delle principali sfide da affrontare durante il Meeting di quest’anno sarà quello che il direttore esecutivo dell’UNEP, Achim Steiner, ha definito lo “Tsunami dei RAEE (i Rifiuti Elettronici)”.

Il mancato riciclo delle montagne di telefoni cellulari, computer ed elettrodomestici vari abbandonati nel mondo risulta molto pericoloso per l’uomo e per l’ambiente. Ed anti-economico: stiamo buttando via un’enormità di materie prime che possono essere riutilizzate – oro, argento, terre rare. Secondo Steiner, inoltre, alcuni di questi materiali sono attualmente più abbondanti nei dispositivi elettronici non utilizzati che in natura.

Al centro delle attenzioni dell’Assemblea ci saranno anche gli inquinanti chimici – i quali, afferma sempre Steiner, “fanno un milione di morti l’anno” – e le 500.000 tonnellate di pesticidi obsoleti (ed altamente pericolosi per uomini e ambiente) che vengono ancora utilizzati nei Paesi in Via di Sviluppo.

Tra gli argomenti discussi durante la Conferenza ci sarà anche l’inserimento dell’amianto crisotilo tra i prodotti soggetti alle procedure previste dalla Convenzione di Rotterdam.

[Foto di copertina | Pixabay | Licenza CC0]

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *