L’esposizione all’amianto e la fibrosi polmonare idiopatica: nuove speranze per i malati di asbestosi

L’esposizione all’amianto e la fibrosi polmonare idiopatica: nuove speranze per i malati di asbestosi

Meno eternit più eternità.

Anche parte dei casi di fibrosi polmonare idiopatica sarebbe legata all’esposizione all’amianto: lo rivela uno studio scientifico presentato al Congresso Internazionale dell’ERS (European Respiratory Society) tenutosi a Monaco di Baviera tra il 6 e il 10 settembre.

I sintomi e le caratteristiche della fibrosi polmonare idiopatica possono essere identici a quelli dell’asbestosi: lo studio – svolto su dati relativi ad Inghilterra e Galles – suggerisce che la differenza principale nella diagnosi delle due malattie stia nella consapevolezza dell’esposizione all’amianto da parte dei pazienti.

Una ricerca che dà speranza: le terapie di nuova generazione contro la fibrosi polmonare idiopatica potrebbero essere utilizzate anche per i malati di asbestosi.

L’analisi dei tassi di mortalità per asbestosi, fibrosi polmonare idiopatica e mesotelioma, infatti, supporta l’idea che gran parte dei casi di fibrosi polmonare idiopatica siano legati ad un’esposizione inconsapevole alle polveri d’amianto.

Anche alla luce di questo studio risultano necessarie professionalità e responsabilità nel trattamento e nello smaltimento di manufatti in amianto: è in gioco la salute di tutti.

Fonte:
 Idiopathic pulmonary fibrosis (IPF) cases linked with asbestos exposure
[Foto di copertina | Pixabay | Licenza CC0]

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *