Coralli replicanti contro l’inquinamento da mercurio

Coralli replicanti contro l’inquinamento da mercurio

Il titolo di questo post potrebbe ricordare qualche film di fantascienza degli anni sessanta ma si riferisce a problemi e soluzioni reali ed attuali.

I coralli sono tra le specie viventi una delle più recettive nei confronti dei metalli pesanti e una delle maggiori vittime di questi agenti inquinanti.

Essendo i coralli particolarmente efficienti nell’assumere i metalli pesanti, perché non replicarne artificialmente la struttura per assorbire questi agenti inquinanti dalle acque?

L’idea è stata sviluppata dai ricercatori dell’Università cinese Anhui Jianzhu di Hefei utilizzando un materiale già adoperato per l’assorbimento di inquinanti, l’ossido d’alluminio: rispetto ai risultati ottenuti dall’utilizzo tradizionale di quest’ultimo, i coralli-replicanti riescono a rimuovere mercurio dalle acque in quantità maggiori di 2 volte e mezzo.

Imitare le caratteristiche recettive degli organismi viventi che più patiscono l’inquinamento potrebbe aiutare i ricercatori a trovare soluzioni più efficaci a problemi ambientali come quello della presenza dei metalli pesanti nella acque.

Lo sviluppo industriale e le attività dell’uomo contemporaneo hanno rilasciato nelle acque quantità abnormi di mercurio, piombo e arsenico.

Questi metalli pesanti vengono assunti attraverso le acque da piante ed animali, entrando anche indirettamente nella catena alimentare dell’uomo.

I danni alla salute dell’uomo sono gravi e noti: ne abbiamo già parlato in un altro post.

Per comprendere la gravità del “problema-mercurio”, basta citare un dato dell’Organizzazione Mondiale della Sanità: nelle comunità la cui sussistenza è basata sulla pesca sono rilevati deficit cognitivi causati dal mercurio in un numero di bambini compreso tra 1,5 e 17 ogni mille.

Per approfondire:
[Foto di copertina | Pixabay | Licenza CC0]

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.